fbpx

Logos P.E.C.

Logos P.E.C.

Cosa facciamo?

Il nostro progetto è quello di costituire una impresa sociale che svolga attività in ambito edile e che possa costituire un’opportunità di lavoro stabile o di tirocini formativi per giovani neet.
Perché l’edilizia? Desideriamo che la nostra impresa lavori in ambito edilizio (tinteggi, manutenzioni, piccole ristrutturazioni) perché è quello nel quale, attraverso le nostre esperienze precedenti, abbiamo acquisito maggiori competenze. In più, per il fatto che all’interno del nostro gruppo alcuni ragazzi hanno deciso di professionalizzarsi ulteriormente in quest’ambito attraverso la “Scuola Edile” di Parma.
Come partire? Nonostante le nostre competenze, crediamo sia indispensabile che in una prima fase del progetto (la previsione è di almeno 6 mesi) il nostro gruppo debba avvalersi dell’aiuto di un professionista del settore, al quale affiancarci e che ci permetta di fare quell’esperienza sul campo indispensabile per acquisire poi una nostra autonomia lavorativa.
A chi ci rivolgiamo? Da un lato, come detto, ai neet del territorio. Il nostro legame con il progetto WiP e i servizi sociali del polo Lubiana ci consente di inserire ogni anno all’interno della nostra impresa alcuni giovani neet, garantendo loro un’esperienza formativa in cui chi è più bravo diventa accompagnatore di chi è appena arrivato, certificando – al termine di questo percorso annuale – le competenze professionali acquisite. Ma la nostra impresa, dall’altro, garantirebbe un servizio importante anche per molte persone che appartengono alle “fasce economicamente deboli” del territorio per interventi edilizi o di manutenzione che oggi non si possono permettere di realizzare.

Chi siamo?

Il nostro gruppo nasce da un’esperienza già esistente e radicata sul territorio, il progetto “Work in Progress”, attivo nella parrocchia del Corpus Domini già dal 2015, con l’obiettivo di aiutare giovani neet ad acquisire alcune life-skills per l’ingresso nel mercato del lavoro
Il nostro gruppo è composto da alcuni dei giovani che hanno preso parte a questo progetto: Sandu Prodan, Destiny Edenoh, Fabio Cigala
Pur trattandosi di giovani con competenze ed esperienze diverse, il nostro è un gruppo che già da diversi anni è abituato a lavorare insieme e che ha costruito un’ampia rete di relazioni sul territorio
Ci unisce il desiderio di dare una struttura concreta al percorso fatto fino a qui, facendo un passo ulteriore in termini di professionalità ed autonomia. Ci unisce anche il forte desiderio di essere protagonisti di un’esperienza “vincente” e di mettere le nostre competenze a disposizione di altri giovani che, come noi, hanno faticato ad inserirsi nei contesti scolastici o lavorativi.

Contatti: Fabio Cigala ciga.fc@libero.it

Perchè lo facciamo?

L’urgenza maggiore che avvertiamo è la presenza “martellante” di giovani neet sul nostro territorio. Moltissimi ragazzi della nostra età si trovano oggi a disagio nel mondo della scuola e vengono, di fatto, già in partenza esclusi dal mercato del lavoro. Ancora pochissime iniziative sono state intraprese, nella nostra città, per contrastare questo fenomeno.
In questo senso, il bisogno non è solamente quello di un’occasione lavorativa stabile, ma anche di esperienze che possano costituire, per loro, un riferimento per un futuro “pensabile”, non indefinito o solamente minaccioso, traducendosi dunque in uno stimolo ad “andare avanti” e a non procrastinare le scelte fondamentali che hanno di fronte.
Un bisogno altrettanto urgente è quello, all’interno del nostro gruppo, di un lavoro stabile, di autonomia, di maggiori responsabilità, “staccandoci” da chi finora ci ha sostenuti (il progetto WiP) per camminare finalmente con le nostre gambe.
Crediamo, infine, che esista un bisogno diffuso, all’interno della nostra realtà cittadina, di un’impresa che possa rivolgersi in modo particolare a quella fascia di persone con maggiori fragilità economiche per attività di manutenzione o di piccoli restauri. Obiettivo del nostro progetto è allora proprio quello di rispondere a questi bisogni garantendo un servizio a costi contenuti o con modalità di pagamento alternative.

Cosa ci aspettiamo?

• In primo luogo, ci aspettiamo che il progetto possa tradursi, per il nostro gruppo, in un’esperienza strutturante, al termine della quale l’impresa costituita avrà le competenze per potersi muovere con autonomia sul mercato del lavoro, creando così un’opportunità di lavoro stabile per i giovani appartenenti al gruppo di lavoro.
• Un secondo risultato atteso importante e, riteniamo, innovativo, è l’attivazione di percorsi di avvio al lavoro per giovani neet, percorsi strettamente legati ad un’attività lavorativa concreta, che si tradurranno in competenze certificate e spendibili sul mercato del lavoro.
• Per queste ragioni, siamo convinti che il progetto avrà ricadute importanti su diversi giovani neet del territorio, sia direttamente coinvolti nel progetto (come soci dell’impresa o come tirocinanti), sia per coloro che vedranno nella nostra impresa uno stimolo e una testimonianza di un’esperienza vincente e di un futuro pensabile.
• Crediamo, inoltre, che il progetto produrrà un accresciuto senso di appartenenza alla comunità territoriale. Esso, infatti, mette a contatto i giovani neet e il quartiere, la città, sollecitandoli a investire e a lavorare sul territorio per migliorarlo, connettendo così persone e luoghi e generando fiducia reciproca.
• L’impresa avrà inoltre l’effetto di mettere in rete alcuni attori importanti sul territorio cittadino (i servizi sociali, il progetto WiP, la rete dei G.A.S., il mondo del lavoro), costituendo in tal modo una risorsa importante nel lavoro sui neet.
• Infine, riteniamo che la presenza nel contesto territoriale cittadino di una realtà imprenditoriale con un’attenzione particolare alle fasce economiche più deboli (che si tradurrà sia in interventi di restauro/manutenzione a costi più convenienti, sia in modalità di pagamento alternative) possa costituire una risorsa importante sul tessuto sociale cittadino.

Quanto ci serve da ThinkBig? EUR 50.000,00

Al BalcÓn

All’uscio

B.R.A.C.I.

Cantieri Culturali

Ci sono anch’io

Cinema & Gestalt

Compety

Distopie

Drinkit

Entra in gioco!

EquaMente

Excurious Path

Fatto a Parma

Fleople.com

Fuori dal Coro

Guide Junior

Gustiamoci!

Human Books

Idee in LUP

Il Fontanone

ImproveOltretorrente

ImPRoving our city

In strada caduti in strada rinati

Insure Space

L’astronave di Babu

Langhirano – la Città del Vino

Leggende e sentieri d’Appennino

Logos P.E.C.

Luoghi in Comune, generazioni connesse

Monte Fuji

MU.DI.CO.

Officina “Cre-arti”

Panchina Post Pandemica

Panes – Mixing Cultures

Parma Positiva

Parma Street Art Festival

Parma Tales

Persona

Pianta.me

Profashion

Quartieri d’arte

Radici Ibride

Residenza d’Artista

Sliding Doors

Social Circus

Society

Storie di Coraggio

Storie fatte in casa

Tango terapia di gruppo

TANGRAM

Teatro Migrante

Torniamo al NOI

Trame (tra me e te)

Tutto per un corno

Ventie20

Vertical Farming Education

vie di pASSAGGIO

With Me

WorkAround